Qual è il momento migliore per la messa a dimora dell’Helleborus

L’Helleborus può essere piantato in qualunque momento nel terreno non ghiacciato. Il periodo migliore per la messa a dimora è a settembre e ottobre, quando la pianta è ancora senza fiori. E’ da evitare il periodo estivo perché spesso il terreno è troppo secco.

Di cosa bisogna tenere conto durante la messa a dimora?

Le varietà della serie Helleborus Gold Collection® prediligono terreni calcarei e ricchi di sostanze nutritive, ma si adattano anche ad altri habitat, purché il terreno non presenti ristagni d’acqua. I terreni sabbiosi possono essere arricchiti amalgamandoci dell’humus di corteccia, della calce dolomitica e del truciolo di corno. Al posto della calce dolomitica si possono usare anche i gusci di uovo sminuzzati. 

Le rose d’inverno resistono bene al sole, mentre le rose di Natale e le rose quaresimali (a fioritura primaverile) preferiscono l’ombra e la penombra e temono il sole intenso delle ore centrali delle giornate estive. Il sole temperato dell’inverno, invece, non le disturba affatto.

In caso aveste un’aiuola completamente al sole, ma non volete rinunciare al fascino dell’Helleborus, si consiglia di piantare degli alberi che perdono le foglie. La penombra così ottenuta è ideale per l’Helleborus. Le piante perenni sono la compagna ideale in giardino, perché non si allargano troppo e, come gli stessi ellebori, non arrecano disturbo ai propri vicini.

Esistono delle vaietà adatte ai luoghi soleggiati?

Tutte le rose d’inverno si adattano ai luoghi soleggiati, come ad esempio, le varietà a fioritura precoce, tipo e il Shooting Star® oppure l’Pink Frost che presenta dei fiori rosa particolarmente grandi. 

L’Helleborus si presta come fiore da taglio?

La maggior parte delle varietà di Helleborus si presta anche a essere usata come fiore reciso, benché non sia sottoposto ad ambienti troppo caldi. In tal modo, potete cogliere fiori freschi dal vostro giardino anche d’inverno per decorarne la casa. Per prolungarne la durata, si consiglia di praticare delle incisioni laterali sugli steli immersi nell’acqua. Per abbellire la vostra tavola, riempite una ciotola d’acqua e poggiatevi sopra i fiori che galleggeranno in superficie come le ninfee. 

Si può coltivare l’Helleborus nel salone di casa?

Da alcuni anni è stata introdotta la varietà HGC® White Christmas®, prevista per la coltivazione domestica. Per goderne la bellezza a lungo, dovrebbe essere collocata in un punto fresco dell’abitazione. Va annaffiata regolarmente, ma le radici non devono mai subire ristagni d’acqua. I fiori recisi dell’Helleborus coltivati in giardino si mantengono bene anche in casa nel vaso. Nel periodo natalizio, i fioricoltori offrono anche altre varietà, come il Winter Fashion®, che hanno fiori particolarmente grandi con una buona durata in vaso. 

Le rose di Natale sono velenose?

Nessuna delle specie di Helleborus è commestibile!

Come tutte le ranunculaceae, anche l’elleboro è velenoso in tutte le sue parti, soprattutto il rizoma. Pertanto si consiglia di prestare attenzione, come si fa normalmente con tutte le piante non commestibili, soprattutto se in casa sono presenti bambini o animali domestici. Le persone particolarmente suscettibili possono manifestare reazioni allergiche a contatto con la linfa della pianta. E’ quindi consigliabile indossare dei guanti quando si maneggiano le piante. L’elleborina estratta dall’Helleborus viene impiegata nell’ambito della medicina moderna. Anche nella medicina omeopatica viene utilizzato l’Helleborus niger. La citazione di Paracelso s’inserisce dunque benissimo in questo contesto: “Tutto è veleno: nulla esiste di non velenoso. Solo la dose fa in modo che il veleno non faccia effetto.” 

HGC® Jubelio℗

Se avete domande, suggerimenti o richieste?

Immagine CAPTCHA per prevenire lo SPAM Se non riesci a leggere la parola, clicca qui.
* Obbligatorio